10 cose che non sapevi su Joy Bryant


Dal suo ruolo decisivo in Antwone Fisher di Denzel Washington nel 2002, l'attrice Joy Bryant ha accumulato un impressionante corpus di lavori sia in TV che al cinema. Meglio conosciuta per aver interpretato Jasmine Trussel per 5 anni in Parenthood, attualmente può essere vista come Marie Wallace in For Life. Scopri di più con questi dieci piccoli fatti.

1. È cresciuta con le insicurezze del corpo

Per quanto difficile possa essere da credere, la Bryant è stata tormentata dalle insicurezze crescendo, con la maggior parte dei suoi dubbi su se stessa incentrata sul suo aspetto. A differenza della maggior parte di noi, il problema per Bryant non era che aveva più spazzatura nel bagagliaio di quanto avrebbe voluto, era che non ne aveva abbastanza. 'Sono cresciuta nel South Bronx, in una comunità prevalentemente nera e latina piena di bellezze supermosche i cui corpi sfidavano la gravità', ha scritto l'attrice in un saggio personale sulla raffineria 29 . “Mi odiavo: ero troppo dannatamente magra e volevo essere più grossa. Volevo t––, culo, carne. Non volevo essere un fagiolo puzzolente'.

2. La modellazione le ha dato la conferma

Prima che la carriera di attrice decollasse, Bryant ha fatto i suoi soldi facendo la modella. Non solo era un modo decente per finanziare i suoi studi universitari, ma le ha anche dato la conferma che aveva cercato così disperatamente durante la sua infanzia. 'Volevo fare la modella perché mi ha convalidato', ha detto a People. “Significava che ero ‘legittimamente’ bella, forse anche più bella di altre. Ho ottenuto proprio quello che ho sempre desiderato: essere ammirato per il mio aspetto'.

3. È una scatola del cervello

Se hai mai avuto bisogno di prove che le modelle (o le ex modelle, in questo caso) sono più che semplici facce carine, dai un'occhiata al curriculum accademico di Bryant. “Leggo enciclopedie tutto il giorno. Mia nonna, che mi ha cresciuto, ha sottolineato l'importanza dell'istruzione. Per me si trattava di essere autosufficiente e di usare il cervello', ha ricordato Bryant della sua infanzia. A giudicare dal modo in cui è stata accettata sia dal Fieldston Enrichment Program (un programma preparatorio per le scuole superiori d'élite) che dalla Yale University, gli insegnamenti di sua nonna hanno avuto chiaramente l'effetto desiderato.


4. Il suo patrimonio netto

All'età di 45 anni, Bryant ha goduto del tipo di carriera che ogni ragazzino sogna di diventare un attore tanto desiderato. Con una serie di programmi TV e film di grande successo alle spalle (per non parlare del ruolo imminente di Marie Wallace in For Life di fronte a lei), è stata un appuntamento fisso sui nostri schermi per quasi due decenni. E un'etica del lavoro come quella non arriva senza i suoi frutti. Secondo Celebrity Net Worth , La ricompensa di Bryant per i suoi sforzi è il rispettabile patrimonio netto di $ 2 milioni.

5. Odia il Natale

Se stai visitando la famiglia Bryant a Natale, non aspettarti di essere accolto con una ghirlanda alla porta o una selezione di canti natalizi. 'Sono una specie di 'bah, humbug' (persona)' lei dice alla gente . “Odio il Natale, davvero. Non faccio davvero regali né mi aspetto nessuno. Darò biscotti e libri. Mia zia fa dei biscotti davvero fantastici, quindi darò dei pacchetti di biscotti. Tutti quei regali sono per i bambini, e in realtà, quando li avrò, potrebbero non ricevere regali: 'Avrete un'istruzione universitaria e ti piacerà!'”


6. È a capo di una linea di abbigliamento

Come se la sua carriera di attrice non fosse abbastanza per tenerla occupata, negli ultimi anni Bryant è stata impegnata in piccole iniziative collaterali selezionate, tra cui la principale è una linea di abbigliamento chiamata Basic Terrain. Bryant ha lanciato il marchio nel 2014 insieme a suo marito, Dave Pope. La linea ha iniziato a funzionare: nel giro di pochi mesi dalla sua uscita, è stata venduta ovunque, da Satine e Scoop a Urban Zen e Fred Segal.

7. Sono anche io per sua madre

Nel novembre 2017, Bryant si è fatta avanti per rivelare di essere il prodotto di un'aggressione sessuale. In un toccante saggio per Lenny Letters , la star ha condiviso che sua madre, Joyce, è rimasta incinta dopo essere stata violentata da un uomo più anziano. Incapace di condividere ciò che le era successo, Joyce, che all'epoca aveva solo 15 anni, ha tenuto segreta la gravidanza per 6 mesi prima di dirlo finalmente a sua madre. Ancora una bambina lei stessa, Joyce ha ceduto il controllo dell'educazione di Joy a sua madre, una decisione che Bryant comprende fin troppo bene. 'La sua storia è una storia di innocenza rubata e potenziale perso', ha scritto, 'un record di dolore filato in un ciclo infinito. La sua storia è purtroppo la storia di tanti».


8. Non ha progetti per i bambini

Bryant ha sposato il suo compagno, lo stuntman Dave Pope, nel giugno 2008. Nonostante sia sposata da 12 anni, la coppia deve ancora accogliere il picchiettio dei piedini. Se Bryant ha la sua strada, non lo faranno mai... anche se ciò significa affrontare costantemente le domande di persone 'ben intenzionate' sulla sua decisione di rimanere senza figli. 'Io, come destinatario, devo mantenere la calma e spiegarmi o difendermi con grazia', ha detto a proposito dell'interrogatorio implacabile. 'Sono fortunati che io sia una donna di classe. So che le persone non intendono fare del male, ma questo in realtà non dovrebbe essere affatto un problema, perché quello che scelgo di fare o non fare con il mio grembo non dovrebbe interessare nessuno tranne mio marito.'

9. È un'ambasciatrice per Oxfam

Bryant è stato a lungo attivo sul fronte della beneficenza e attualmente serve come ambasciatore per Sisters on the Planet (SOP) di Oxfam, una fondazione dedicata ad aiutare le donne di tutto il mondo a combattere la povertà, la fame e il cambiamento climatico. Come parte delle sue attività con la fondazione, Bryant si è recata in Cambogia per incontrare le agricoltrici in prima linea nel cambiamento climatico e ha anche fatto pressioni per una politica più intelligente in caso di disastri a Washington DC.

10. Adora un po' di reality TV

Se siamo onesti, tutti abbiamo un piacere colpevole o due che siamo un po' imbarazzati ad ammettere in pubblico. La piccola indulgenza segreta di Bryant si presenta sotto forma di reality show, con Wild Man on Animal Planet che è il suo preferito.