Cinque cose che non sapevi sugli ultimi Alaskans


The Last Alaskans è un reality show su alcuni degli ultimi residenti umani rimasti nell'Arctic National Wildlife Refuge, che è il più grande rifugio del suo genere che si possa trovare in tutti gli Stati Uniti. A differenza di molti dei suoi concorrenti ambientati nello stesso stato, The Last Alaskans ha ricevuto una discreta quantità di elogi per essere autentico, il che non sorprende quando la sua potente combinazione di persone affascinanti in un paesaggio affascinante significa che non ha bisogno di messa in scena per suscitare interesse.

Per coloro che sono interessati a The Last Alaskans, ecco cinque cose che potrebbero o meno sapere sul reality show:

1. Il processo è iniziato con convincere Heimo Korth

Heimo Korth è da tempo una figura di spicco. In breve, è arrivato all'attenzione del pubblico americano quando suo cugino Jim Campbell ha scritto The Final Frontiersman su di lui e sua moglie, cosa che non sarebbe potuta accadere senza che la sorella di Korth lo convincesse a dare una possibilità al cugino. Da quel momento, c'è stato un discreto interesse nel fare uno spettacolo su Korth, motivo per cui gli show-maker di The Last Alaskan hanno iniziato convincendolo a firmare con il progetto. Una volta fatto, hanno trovato molto più facile convincere gli altri a iscriversi a causa della loro fiducia in Korth.


2. Quasi non è stato fatto

La saggezza popolare nell'industria dell'intrattenimento dice che è più efficiente mettere in scena le cose per i reality show in modo da creare situazioni drammatiche che attirino gli spettatori. Questo è un netto contrasto con The Last Alaskans, che ha fatto uso del dramma naturale sorto nel corso delle vite dei suoi partecipanti invece di forzare le cose. Di conseguenza, non è un caso che sia così diverso dagli altri reality show ambientati nello stato dell'Alaska. In effetti, gli show-maker avevano così tanta libertà quando si trattava di fare spettacoli che persino alcuni di loro erano sorpresi dalla loro libertà d'azione.


3. I produttori di spettacoli lasciano funzionare le loro telecamere

Gli show-maker hanno fatto una scelta interessante per far funzionare le loro telecamere, il che significa che erano disposti a girare per 10 minuti alla volta come pratica standard piuttosto che i 30 secondi che è molto più comune nel settore. C'erano due ragioni per questa scelta. In primo luogo, ha eliminato la pressione sugli show-maker per catturare qualcosa di interessante durante il breve lasso di tempo in cui la telecamera stava girando. In secondo luogo, ha aumentato le loro possibilità di catturare il dramma naturale, che ha permesso loro di raccontare le storie dei partecipanti senza imporre loro i propri significati. Detto questo, questa scelta ha creato alcune complicazioni a sua volta, con un eccellente esempio l'enorme quantità di filmati risultanti che dovevano essere setacciati per l'effettiva realizzazione dello spettacolo.


4. Gli show-maker hanno dovuto accamparsi

Data la mancanza di infrastrutture nell'Arctic National Wildlife Refuge, non dovrebbe sorprendere sapere che gli show-maker hanno dovuto accamparsi. Infatti, era loro vietato l'uso delle cabine dei partecipanti per il semplice motivo che le loro licenze ne vietavano l'uso commerciale, anche se tali requisiti sarebbero stati derogati se ci fosse stata una sorta di emergenza che lo avesse reso necessario. Di conseguenza, le persone che hanno girato il filmato hanno dovuto rimanere fuori, anche se per la maggior parte le loro esigenze sono state soddisfatte da allestitori professionisti.

5. I droni sono stati usati per catturare alcuni filmati

I droni hanno visto una discreta utilità nel girare il filmato per The Last Alaskans. In primo luogo, questo perché i droni hanno permesso agli show-maker di catturare filmati da angolazioni che sarebbero state altrimenti impossibili. In secondo luogo, i droni hanno ridotto al minimo il loro impatto sul paesaggio circostante, il che è stato importante perché gli ecosistemi protetti dal rifugio sono molto più fragili di quanto la maggior parte delle persone si aspetterebbe.