Perché Gandalf The Grey/White è il più grande mentore di film di sempre?


Harry Potter aveva Albus Silente. Praticamente tutti nel franchise de Il Signore degli Anelli avevano Gandalf. Non era il preside di una scuola per giovani maghi, ma proprio come Silente, era un vecchio mago saggio. Non solo, ma probabilmente potrebbe anche rivaleggiare con Silente nella magia, e questa è una lotta che mi piacerebbe vedere accadere. Quindi in cosa è diverso da Silente? Oltre a usare la bacchetta, è un mentore molto migliore di lui. In realtà, andrò ancora oltre e dirò che è il miglior mentore cinematografico di sempre. Un'affermazione piuttosto audace, ma è quella a cui mi atterrò. Che sia Gandalf il Grigio o Gandalf il Bianco, ha la straordinaria capacità di dire qualcosa che renderà tutti più calmi. Forse la voce rassicurante di Ian McKellan è ciò che aiuta con la consegna, ma questo è solo l'inizio.

Ciò che rende Gandalf così grande è molto più profondo del suo status di grande mago. Mentre Silente era considerato il mago più saggio e più grande nel mondo dei maghi, Gandalf non era in realtà considerato nessuno di quelli in tutta la Terra di Mezzo. Il mago più saggio e potente della Terra di Mezzo era Saruman. Questo è il motivo per cui Saruman era il capo dell'ordine Istari e fungeva da incarnazione di ciò che ogni mago dovrebbe essere. Anche lo stesso Gandalf ammirava Saruman e faceva affidamento sulla sua guida ogni volta che si perdeva. Questo è anche il motivo per cui è stato piuttosto straziante quando si è reso conto che Saruman aveva tradito l'ordine e aveva unito le forze con Sauron. Hanno combattuto e Gandalf ha perso.

Questo è successo molto presto nel primo film ed è proprio per questo che è così importante. Gandalf è fondamentalmente quello che saremmo se fossimo maghi in un mondo pieno di altri maghi molto potenti. È il perdente del gruppo; non è il mago più grande e nemmeno il più potente, ma in realtà non ha bisogno di esserlo. Sebbene sia ancora molto potente, non si è fatto un nome mostrando il suo potere.

Praticamente tutti nella Terra di Mezzo sanno chi è e hanno molto rispetto per lui. Gandalf si è guadagnato questo rispetto non solo proteggendoli, ma stando in mezzo a loro. Quando lo vediamo per la prima volta, entra nella Contea e i bambini Hobbit sono felici di vederlo. Mentre si allontana da loro in carrozza, fa esplodere alcuni dei suoi fuochi d'artificio, con loro grande gioia. Più tardi, alla festa di compleanno di Bilbo, usa il resto dei suoi fuochi d'artificio, rendendola una notte da ricordare per tutti allo Shire.


Ora pensiamo solo a questo. Gandalf è un mago molto potente che trova ancora il tempo per portare gioia alla gente comune della Terra di Mezzo. È sua responsabilità proteggere tutti dal male, ma non dimentica di essere tra loro. È più importante di quanto sembri, perché se passasse tutto il suo tempo a combattere il male e con altri maghi, potrebbe semplicemente dimenticare di preoccuparsi di ciò che sta combattendo per proteggere. Trascorrendo del tempo occasionale con persone normali, Gandalf sa benissimo che cos'è l'essere umano.

Voglio dire, dai, fuma la pipa e fa figure di fumo con Bilbo. Silente l'ha fatto con Harry Potter? Probabilmente non ci sono altri maghi molto potenti che uscirebbero con i loro amici e si rilassano. Non solo è il campione del popolo, ma è anche il tipo di ragazzo con cui puoi semplicemente rilassarti.


Tuttavia, non è l'unica cosa che lo rende più umano. Gandalf che ha perso la sua battaglia contro Saruman all'inizio della Compagnia dell'Anello ha mostrato che non era tutto potente. Questo non lo rendeva meno di un grande personaggio; quello che ha fatto è stato renderlo credibile perché era vulnerabile. Un protagonista indistruttibile non è mai interessante, perché diventa presto noioso vederli vincere tutto il tempo. Gandalf vince spesso, ma non vince ogni combattimento. Anche quando è diventato il più potente Gandalf il Bianco, era ancora vulnerabile. Ciò che è così ammirevole in lui è che le sue sconfitte non lo hanno umanizzato, perché non è mai stato vanitoso o guidato dall'ego.

Un ottimo esempio di ciò è quando Frodo gli ha offerto l'anello per la disperazione. Gandalf lo rifiutò immediatamente, nonostante ammettesse che avrebbe avuto tutte le intenzioni di usarlo per il bene più grande. Tuttavia, in seguito ha confessato che anche lui avrebbe ceduto ai poteri oscuri dell'anello. Questa è la differenza fondamentale tra lui e Saruman. Saruman, nella sua arroganza, credeva di poter sfidare Sauron, ma fu rapidamente sedotto dai poteri del signore oscuro. Gandalf, tuttavia, riconobbe i propri limiti e si rifiutò persino di lasciarsi tentare dal potere dell'anello. Saruman si guadagnò la carica di capo dell'Ordine Istari essendo saggio e potente, ma dimenticò com'era essere umano. È una lezione che gli è costata tutto, ma per Gandalf è sempre stata una parte di lui.


Non posso parlare di Gandalf senza parlare della sua straordinaria capacità di dire solo le parole più stimolanti. La cosa più stimolante è che non lo fa solo per i giovani Hobbit, ma letteralmente per tutti. Da Aragorn, a Thorin, o anche a Re Theoden, tutti possono sentirsi caldi e confusi dentro dopo aver sentito parlare di Gandalf. Il fatto è che non riesco a decidere quale discorso o citazione ispiratrice sia la migliore. Perché non parlare anche di come può essere divertente? Quando incontra per la prima volta Bilbo, si interroga sarcasticamente su cosa significasse il 'buongiorno' di Bilbo. E chi può dimenticare la sua famosa filosofia sui maghi che non sono mai in ritardo? Non solo può ispirare, ma può farti ridere. Un pacchetto così raro e dorato di un personaggio.

Ma onestamente, qual è la cosa migliore che abbia mai detto agli altri personaggi? Per me, è al suo meglio quando solleva il morale di qualcuno nelle situazioni più terribili. Alcuni ottimi esempi sono quando racconta a Pipino della morte e di come sia solo un altro percorso che tutti devono intraprendere. Lo fa quando l'esercito degli Orchi è a pochi minuti dall'irruzione e dall'ucciderli tutti. Tuttavia, questo non è nemmeno abbastanza per smorzare il suo umore, e lo passa a Pipino. Le sue parole di saggezza non solo lo fanno sorridere mentre è sotto assedio, ma gli danno speranza.

L'intero scopo di Gandalf nella Terra di Mezzo è dare speranza agli altri. Questo era J.R.R. l'intenzione di Tolkien quando lo ha creato. È la forma angelica più pura che ci sia ed è sempre alla ricerca delle persone quando ne hanno bisogno. Lo fa soprattutto per Frodo quando quest'ultimo gli dice come desidera che le sue disgrazie non siano mai accadute. In quello che è probabilmente il momento più bello di Gandalf, dice a Frodo che tutti vorremmo che le cose brutte non fossero mai accadute, ma a volte questo è fuori dal nostro controllo. La sua lezione a Frodo è stata convincerlo che non possiamo cambiare ciò che accade, ma possiamo decidere come andare avanti. Frodo ricorda sempre questa lezione ed è proprio ciò che lo fa andare avanti fino alla fine del suo viaggio. Gandalf ha sicuramente un senso con le parole.

Gandalf rimarrà sempre uno dei miei personaggi di fantasia preferiti di sempre. È saggio, potente, spiritoso, compassionevole, ma nonostante tutto il suo potere, è ancora molto umano. Grazie, Ian McKellen e Peter Jackson per aver contribuito a dare vita a questo magnifico personaggio. Alla fine, possiamo tutti imparare da Gandalf.