Ci sarà mai un gioco come 'Roy: una vita ben vissuta' di Rick e Morty?


Ogni fan di Rick e Morty ricorda il fantastico episodio Corsa di Mortynight . Che si tratti di Krombopulos Michael, l'assassino, 'Fart' interpretato da Jemaine Clement, l'asilo nido specifico di Jerry's, o la fantastica sala giochi, Blips e Chitz, l'episodio è sicuramente uno dei preferiti dai fan per molteplici motivi. Tuttavia, uno dei momenti più iconici ed esilaranti dell'episodio accade quando Morty indossa un visore VR e vive la vita piena di un uomo di nome Roy in competizione per vedere quanto tempo vive.

Quando Rick va a fare la stessa cosa, vediamo il vero potenziale della mente di Rick mentre porta il suo personaggio completamente fuori dalla griglia e scopre quanto Morty sia completamente nella media in confronto. Tuttavia, dopo la messa in onda dell'episodio, innumerevoli fan di Rick e Morty si chiedevano una cosa; quando sarebbeRoy: una vita ben vissutadiventare davvero un videogioco?

Sebbene non sia stata rilasciata alcuna parola su un vero gioco VR, i fan hanno iniziato a creazione di copertine per il gioco e cercando di formulare i propri prototipi allo stesso modo. Tuttavia, sebbene la VR sia decisamente diventata molto più reattiva ed efficiente negli ultimi anni, c'è ancora molto da fare prima di un gioco così vasto comeRoypuò essere effettivamente creato. Per prima cosa, il tempo effettivo in cui puoi utilizzare un visore VR attualmente non è abbastanza lungo per vivere un'intera vita e, sebbene si specula nello spettacolo che il tempo si ferma mentre giochi dalla nascita alla morte, questo tipo di tecnologia per congelare il tempo o accelerare il tempo, ma ingannare il cervello per fargli credere che sia ancora fermo non è altro che un sogno per ora.

Tuttavia, molte industrie hanno iniziato ad abbracciare la tecnologia VR negli ultimi anni e questo è esattamente il tipo di base necessaria per giochi comeRoy: una vita ben vissutaessere creato. In effetti, molte aziende hanno adottato la tecnologia VR per molto di più del semplice gioco, inclusi test di prototipi, recupero di dati virtuali e persino workshop in realtà mista. Con questo tipo di supporto da parte dell'industria alla realtà virtuale e Justin Roiland che si immerge anche nel mondo della realtà virtuale, forse questo fantastico gioco non è così lontano dalla realtà come potremmo pensare e forse, entro il 2018, possiamo vendere tappeti e diventare canaglia nel mondo virtuale diRoy: Una vita ben vissuta.


Salva